martedì 17 dicembre 2013

Panettone fatto in casa con uvetta e cioccolato

Panettone fatto in casa con uvetta e cioccolato

In questo post, vi propongo il Panettone fatto in casa con uvetta e cioccolato impastato a mano, una versione rivisitata da me del panettone classico, dolce natalizio per eccellenza.
Fare il panettone in casa, non è semplice,  specialmente se non si possiede un'impastatrice, ma non è impossibile e io ve lo dimostrerò preparando il Panettone fatto in casa con uvetta e cioccolato impastato a mano.
Sicuramente un'impasto fatto con una impastatrice, risulterà sempre migliore rispetto ad uno fatto a mano, ma devo dire che il risultato che ho ottenuto, considerando che anche per me è stato il primo panettone fatto in casa e impastato a mano non è stato male.
Ho deciso di fare il panettone con uvetta e cioccolato impastato a mano, perchè alle mie bambine non piacciono i canditi è per questo evitano di mangiare il panettone.
La ricetta classica del panettone, prevede l'impiego di lievito naturale e questo a giusta ragione, infatti il lievito naturale da al panettone un profumo intenso e una morbidezza unica.
Usando il lievito di birra come ho fatto io, non si otterranno i stessi risultati, ma sarà più facile realizzare il panettone e a me questa soluzione, mi è sembrata un buon compromesso tra qualità e praticità.
La preparazione del panettone fatto in casa con uvetta e cioccolato impastato a mano, richiede molto tempo e pazienza, ma la soddisfazione di offrire ai vostri ospiti, o di personalizzare questo dolce, variando come ho fatto io alcuni ingredienti, vi ripagherà di tutte le fatiche.



Questa è la ricetta:

Primo impasto:
  • 50g di farina00
  • 8g di lievito di birra
  • Acqua QB
Secondo impasto:
  • 120g di farina 00
  • 30g di farina manitoba
  • 4g di lievito di birra
  • 35g di zucchero
  • 30g di burro
  • 1 uovo intero
Terzo impasto:
  • 120g di farina00
  • 30g di farina manitoba
  • 90g di zucchero
  • 80g di burro 
  • 4g di sale
  • 2 tuorli d'uovo
  • 100g d'uvetta
  • 35g di gocce di cioccolato
  • vanillina
  • La buccia di mezzo limone grattugiata
Con queste dosi, si ottiene un panettone da 800g ed è necessario uno stampo da 16cm di diametro.




Procedimento:
  1. Iniziate preparando il primo impasto, sciogliete il lievito di birra in acqua tiepida e unite la farina. Impastate fino ad ottenere un impasto liscio, di consistenza abbastanza dura. Praticate un taglio a croce con una lametta o taglierino e mettete a lievitare coperto con un canovaccio in un luogo caldo e umido, (io ho usato il forno acceso a 40° con una teglia di acqua bollente all'interno) per circa 30 minuti.
  2. Aggiungete al primo impasto gli ingredienti del secondo impasto, avendo cura di ammorbidire il burro e di mescolare tra loro l'uovo e lo zucchero prima di aggiungerli. Se impastate a mano occorrerà circa 1/2 ora  per ottenere un'impasto liscio, che dovrà avere la stessa consistenza del primo impasto, nel caso necessiti aggiungete un goccino di acqua tiepida. Mettete a lievitare come fatto in precedenza, fino che l'impasto non raddoppia il suo volume, occorreranno circa 2 ore perché ciò avvenga.
  3. Mettete le gocce di cioccolato in freezer, in modo che si raffreddino. Iniziate ad unire al secondo impasto le farine, quindi mescolate tra loro i tuorli d'uovo, lo zucchero, il sale, la buccia di limone grattugiata, la vanillina e uniteli all'impasto, quando l'impasto avrà assorbito questi ultimi unite il burro sciolto, dopo di che unite l'uvetta, (se troppo secca tenetela a bagno in acqua tiepida per 20 minuti, quindi scolatela). Impastate molto bene fino ad ottenere un impasto liscio e ben incordato, solamente all'ultimo incorporate le gocce di cioccolato evitando d' impastarle troppo a lungo. 
  4. Formate una palla ben stretta, mettete nello stampo e fate lievitare. 
  5. Quando il panettone, raggiunge quasi il bordo dello stampo è  lievito (circa 7h), quindi lasciatelo per 10 minuti all'aria, in modo che formi la pelle, dopo di che sempre con una lametta o con un taglierino, pulito e affilato, praticate un taglio a croce e mettete dei pezzetti di burro.
  6. Ora infornate il panettone con forno statico preriscaldato a 180°, una volta infornato regolate la temperatura a 160° (come sempre la temperatura del forno è indicativa e varia da forno a forno), dopo circa 1/2 h controllate che il panettone non prenda troppo colore, all'occorrenza coprite con carta di alluminio. Il panettone sarà cotto, dopo circa 45 minuti.
  7. Una volta sfornato, per evitare che il panettone si afflosci, infilatevi alla base due aghi da maglia e mettetelo capovolto all'interno di una pentola abbastanza profonda. Quando il panettone si sarà completamente raffreddato,  potete procedere al confezionamento.
Tempo di realizzazione:

" Commentate e inviatemi tutte le richieste che volete, sarò felice di rispondere alle vostre domande!




Pinolate
Ricciarelli di Siena
Cassata Siciliana





Elisabetta Coppola
Un grande ringraziamento ad Elisabetta che con la realizzazione del mio panettone è 
riuscita a farmi emozionare!!!

28 commenti:

  1. bella ricetta anche se impegnativa...ma non impossibile ;) volevo sapere orientativamente a che ora conviene iniziare il procedimento per poterlo cuocere alla sera
    grazie ciao
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen, mi fa piacere tu abbia apprezzato questa ricetta, che come hai già detto non è impossibile!!!!!!!!! Io ho iniziato il primo impasto(ovvero il primo lievitino verso le 8.00 di mattina e sono andato ad infornare verso le 21.00 di sera). Con viene fare tutto in un giorno senno c'è il rischio che tutto passi di lievito e il panettone sarebbe da buttare!!!!!!!!!!! Le ore che ti ho messo io sono quelle che in realtà ho impiegato!!!! A presto e fammi sapere del risultato

      Elimina
  2. Il risultato e' splendido complimenti !!!!
    Ottimo anche il video !!!!
    Un abbraccio :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, è bello ricevere complimenti, soprattutto se l' impegno è tanto!!!!!!!!!!!!! Ogni mia ricetta ha un video e per realizzare il tutto di tempo ne impiego parecchio, poi considera che lavoro di notte!!!!!!!!!!!! Comunque non mi pesa perchè lo faccio con passione!!!!!!!!!!!!!!! A presto

      Elimina
  3. Risposte
    1. ......per dirlo lo dovresti provare, comunque è quello che hanno detto coloro che lo hanno assaggiato!!!!!!!!!!!!!!!! Ha dei tempi di lavorazione un po lunghi ma poi i risultati si vedono!!!!!!!!!!!!!!!!! A presto

      Elimina
  4. Totò diceva che un cuoco in famiglia fa sempre piacere... ma anche un pasticciere oserei dire!! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Totò era una grande e aveva ragione, infatti il lavoro che ho imparato e molto apprezzato in casa, specialmente dalle mie bambine. Grazie dei complimenti. Buon Natale.

      Elimina
  5. La ricetta mi incuriosisce molto. in commercio non si trovano panettoni con uvetta e cioccolato insieme. Ha un aspetto davvero invitante e goloso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vantaggio di fare il panettone in casa è proprio questo, puoi personalizzarlo come meglio credi. Io ho messo uvetta e cioccolato, ma si possono creare un'infinità di abbinamenti. A presto e buon Natale.

      Elimina
    2. posso avere la ricetta della kinder fetta al latte. grazie

      Elimina
    3. Ciao ti lascio il link della ricetta che troverai nel mio blog: http://www.lapasticceriadichico.it/2013/07/torta-fetta-al-latte.html

      A presto Federico

      Elimina
  6. Caro il mio Federico Pasticcere ho sbirciato nel tuo profilo e noto con piacere, che mi sono imbattuta in un vero e proprio pasticcere professionale e il risultato di questa magnifica ricetta ne è la testimonianza. I tuoi consigli mi sono preziosi e spero di migliorare devo migliorare, non supererò mai il maestro, però ci provo. Ma veniamo a questa delizia, è davvero una lavorazione molto laboriosa, ma la riuscita è straordinaria. Buono sano e nutriente cosa chiedere di più. Complimenti di cuore e colgo l'occasione per augurare a te e alla tua famiglia un sereno Natale e un anno nuovo che ci confermi la nostre buone intenzioni. AUGURI ah....mi piace il sottofondo musicale, sembra di stare a casa mia quando nguacchio,termine napoletano che significa pasticcio. Ciao Federico Pasticcere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, grazie di tutte queste belle parole, mi fa veramente molto piacere sapere che i miei consigli ti sono utili. Riguardo al maestro ti ringrazio, ma io sono solamente un pasticcere che ha imparato questo lavoro in una piccola pasticceria artigianale e che ha ancora tante cose da imparare. Ricambio i tuoi auguri e cerca di pasticciare il più possibile, a presto.

      Elimina
  7. Ciao Federico, ho appena scoperto il tuo blog e penso proprio che d'ora in poi ti seguirò volentieri!
    Stavo giusto cercando una ricetta collaudata per un buon panettone home-made ma non ho l'impastatrice (però ho intenzione di comprarla!) e la ricetta di Giallozafferano contiene troppe uova. Ho visto il tuo video e non mi sembra molto difficile... Io sono un'appassionata di prodotti da forno, quindi proverò la tua ricetta domani e ti farò sapere!
    Purtroppo non ho i ferri per capovolgere il panettone e questo mi ha fatto entrare in crisi! :-( Esiste un'alternativa?! Spero leggerai questo mio commento. Grazie ancora per la ricetta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inanzi tutto scusa per il ritardo con cui ti rispondo, ma in questo periodo come capirai sono impegnatissimo in pasticceria, spero la mia risposta non arrivi troppo tardi. Per fortuna esiste sempre un'alternativa, in questo caso si chiama stecchi per spiedini. Se realizzi la ricetta con quelle dosi, ottieni un panettone da circa 800g, quindi la lunghezza degli stecchi dovrebbe essere sufficiente. Spero di averti fatto uscire dalla crisi!!!! Buon lavoro e soprattutto buon Natale.

      Elimina
  8. Non avrei mai pensato che era così complessa la preparazione, tu sei stato chiarissimo nella tua spiegazione. Dove si acquistano gli stampo do carta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, ho usato il lievito di birra, per semplificare la preparazione, ma fare il panettone resta sempre un poco laborioso, però nulla d'impossibile. I stampi li puoi acquistare tranquillamente nei super mercati o negozi che trattano articoli da pasticceria, io ho trovato confezioni da due pezzi. Se ti fa piacere, ci terrei a sapere come ti viene il panettone, intanto ti dico buon lavoro e ti faccio tanti auguri di buon Natale.

      Elimina
  9. Lo voglio provare!!!!! Non ho una planetaria e i panettoncini in casa li faccio con il Bimby. Il problema è che surriscalda subito e compromette la lievitazione (anche se sono decisamente soddisfatta!!). Ottimo video con una spiegazione precisa. Complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica, come dici tu scaldare gli impasti lievitati non è il massimo, altro non posso dirti perchè non ho mai usato il bimby. Io l'ho impastato a mano, con tutti i limiti del caso non è venuto male!!!!!!!!!!!!! Se lo realizzi fammi sapere!!!!!!!! Buone feste

      Elimina
  10. Buonasera, mi chiamo Sebastiano e sono nuovo nel scrivere in questo magnifico blog, ma è da parecchio tempo che seguo chico e le sue ricette fino ad ora risultate tutte perfette. La scorsa settimana ho eseguito il panettone, seguendo per filo e per segno tutti i passaggi. Mi è uscito abbastanza bene, dico abbastanza perchè praticamente è risultato un pó troppo duro ( cioè l'interno era somigliante più a una torta e non morbido come un panettone). Ora chiedo a voi, puó essere che andava usata tutta farina manitoba? O va usata maggiormente come scritto nella ricetta la 00?
    Grazie e continua così pasticcere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sebastiano, intanto grazie dei complimenti, sono davvero molto graditi. Riguardo al panettone, ti posso dire che questo dolce è molto difficile da realizzare, come in generi tutti i dolci lievitati. Il fatto che ti sia rimasto un poco duro e non soffice come i panettoni che acquisti in pasticceria è dovuto da più fattori, primo fra tutti è la lievitazione e il tipo di lievito usato. Questa che ho scritto, è una ricetta che permette anche ai meno esperti di realizzare un panettone in casa, infatti ho molto semplificato il procedimento, sostituendo in primis il lievito madre con lievito di birra, poi il fatto di non usare un'impastatrice di certo non aiuta. In sincerità ti posso dire che il panettone che ho realizzato io nel tutorial, non era duro, ma di certo non era soffice come quelli che realizziamo in pasticceria, purtroppo se si vanno a variare dei fattori importanti non si può avere un risultato perfetto e in questa ricetta di variazione c'è ne sono. Spero comunque che mangiare un panettone realizzato con le tue mani ti abbia dato soddisfazione, anche se, di certo non per tua colpa, non era un super panettone.
      A presto e Buon Natale.

      Elimina
  11. Ciao dalle ricette squisite credo tu sia umbro e dato che volevo provare il panettone avrei due richieste : se volessi farlo con la pasta madre, di cui parli bene in questa ricetta, devo modificare il procedimento?
    Mi puoi consigliare dove potrei trovare pasta madre perché mi sembra che sia davvero impegnativo farla dal nulla..
    Ti ringrazio
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, mi fa piacere che le mie ricette ti piacciano, riguardo al panettone, se lo vuoi fare con pasta madre diciamo che il procedimento è pressapoco lo stesso in pratica devi sostituire il lievitino con la pasta madre, dove trovare la pasta madre non so dirtelo, devi rivolgerti ad un forno che faccia il pane come una volta e chiedere se gentilmente te ne da un poco (la vedo dura), questo è il motivo per cui ho postato una ricetta del panettone fatto con lievito di birra, di certo con questa ricetta si ottiene un panettone meno di qualità, ma farlo con questo metodo è meno complesso quindi lo possono realizzare anche i meno esperti in cucina.
      A presto Federico

      Elimina
  12. Grazie,la tua attenzione anche nel rispondere alle nostre domande è preziosa come le tue ricette!
    Nel frattempo ho comprato un termometro per fare il torrone seguendo la tua ricetta visti i molti commenti di chi non è riuscito in modo del tutto soddisfacente a causa della difficoltà di far cuocere il miele senza superare però la giusta temperatura..
    Ti farò sapere!
    Grazie e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ti ringrazio per la stima che dimostri nei miei confronti, spero che con il Torrone tu abbia successo, fammi sapere!!!

      Elimina
  13. Ciao ti seguo sempre.....sei bravissimo.. volevo chiederti non si potrebbero rifare le 2 ricette del pandoro e del panettone non semplificate ma come vanno fatte in maniera estesa.....ho visto mi pare manca il malto, al posto del lievito di birra trovi anche il lievito naturale essiccato che non é poi cosi male.Come sei bravo te riusciresti ad insegnarmi
    insegnarci a farlo anche nella versione completa, né sono sicuro, sarà piú impegnativo ma vuoi mettere la soddisfazione finale che si proverebbe.Anche non avendo le attrezzature di una pasticceria, e con qualche modica tipo uso del malto e del lievito naturale essiccato, e con una buona incordatura si può fare. Grazie e complimenti per la bravura. Ciai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio moltissimo per i complimenti e mi fa piacere che segui la mie ricette, quello che hai detto è giusto, si potrebbe benissimo fare sia il pandoro sia il panettone con il lievito madre, il punto è che oltre ad essere procedimenti alquanto complessi, richiedono molto tempo, cosa che io non ho, come avrai notato ultimamente pubblico molto di rado.
      Colgo quest'occasione per augurarti un sereno Natale.

      Elimina