venerdì 2 maggio 2014

Maritozzi con l' uvetta

Maritozzi con l' uvetta  - www.lapasticceriadichico.it

In questo post, voglio proporre, i Maritozzi con l'uvetta, come li facciamo qui a Perugia.

Questo post, lo dedico a Carla una mia lettrice, con la quale mi scuso per il ritardo con cui ho realizzato la ricetta dei maritozzi, che lei mi ha richiesto diverso tempo fa, spero che comprenda il mio poco tempo a disposizione e mi perdoni.
I Maritozzi con l'uvetta hanno origine a Roma, infatti si hanno testimonianze che già al' epoca degli antichi romani si consumava questo pane addolcito con miele e frutta essiccata.
Per i romani moderni è un classico far colazione al bar con i maritozzi, che sono infatti conosciuti anche con il nome di maritozzi romani.
In questo post io spiegherò una variante che si fa qui nella mia città, che non prevede la farcitura di panna montata, che tradizionalmente si fa a Roma, noi per farcire con la panna montata usiamo una brioche che chiamiamo sempre maritozzo, in cui non è presente l'uvetta.
E' con piacere che aggiorno questo post, scrivendo che questa ricetta è stata inserita dal magazine enogastronomico  lorenzovinci.it all'interno dell'articolo sul maritozzo, tra le 5 miglior ricette  presenti sul web.



Questa è la ricetta:
  • 400g di farina00
  • 100g di farina Manitoba
  • 80g di latte
  • 80g di zucchero
  • 75g di olio extra vergine d'oliva
  • 150g di uvetta
  • 1 uovo intero 
  • 2 tuorli d'uovo
  • 10g di sale
  • 25g di lievito di birra
  • La buccia grattugiata di un arancia non trattata
  • Un goccio d'acqua per aggiustare l'impasto 
Per la meringa:
  • I due albumi messi da parte
  • Zucchero (il doppio del peso degli albumi)
  • Il succo di mezzo limone
Queste dosi, sono sufficienti a realizzare circa 12 maritozzi con l'uvetta di circa 70g di peso




Procedimento:
  1. Per prima cosa va preparato il lievitino; Sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido, quindi, versatelo in una ciotola abbastanza capiente ed impastatelo con la farina Manitoba, una volta pronto, formate una palla, incidetela facendo una croce, coprite con un canovaccio è fate riposare a temperatura ambiente per 1/2 ora.
  2. Nel frattempo, mettete in ammollo l'uvetta e mescolate la buccia d'arancia grattugiata con lo zucchero in modo che l'olio presente venga assorbito dallo stesso.
  3. Trascorso il tempo necessario, aggiungete gli altri ingredienti al lievitino in questo ordine: farina, zucchero, olio e uova, lasciate il sale e l'uvetta da parte. Impastate nella ciotola, quando l'impasto avrà assorbito tutti gli ingredienti, se necessario aggiungete un goccio d'acqua, quindi unite il sale. A questo punto trasferite l'impasto sul piano da lavoro e continuate a lavorarlo, quando è quasi pronto scolate l'uvetta e unitela. Impastate fino ad ottenere un'impasto ben liscio, quindi formate una palla, rimettetela nella ciotola, coprite con un canovaccio e mettete a maturare in frigo per circa 3 ore.
  4. Trascorso il tempo necessario, prendete l'impasto e dividetelo in pezzature da circa 70-80g, quindi tornitele e lasciatele riposare un'attimo coperte con un canovaccio. Nel frattempo preparate due placche da forno con carta staccante e allestite nel vostro forno una piccola cella di lievitazione, mettendoci una teglia di acqua calda. Fatto questo, prendete il primo pezzo tornito e allungatelo leggermente con le mani affinando le due estremità, appoggiatelo sulla placca da forno e schiacciatelo leggermente con una mano. Formate tutti i maritozzi e metteteli a lievitare nel forno accendendo pure la luce. Il tempo di lievitazione può variare a seconda della durezza dell' impasto, comunque all' incirca dovrebbe aggirarsi intorno ad 1h e 15 minuti. Per capire quando i maritozzi sono lieviti, toccateli leggermente con un dito, se la pasta  rimane affondata si può procedere alla cottura.
  5. Mentre i maritozzi lievitano, preparate la meringa usando gli albumi messi da parte, lo zucchero e il succo di limone; in modo da averla pronta quando sfornate i maritozzi con l'uvetta.
  6. I maritozzi necessitano di una cottura rapida per preservare la loro morbidezza, quindi regolate il forno a 170° in modalità ventilato, il tempo di cottura è di circa 8 minuti.
  7. Appena sfornati i maritozzi, aiutandovi con un pennello, stendeteci sopra uno strato di meringa e rimetteteli in forno a bassa temperatura per pochi minuti, in modo che la meringa si asciughi, senza però ingiallire.

Maritozzi con l' uvetta  - www.lapasticceriadichico.it



Maritozzi con l' uvetta  - www.lapasticceriadichico.it



Maritozzi con l' uvetta  - www.lapasticceriadichico.it

Difficoltà di preparazione: media

Tempo totale di realizzazione:

Commentate e inviatemi tutte le richieste che volete, sarò felice di rispondere alle vostre domande!

Ti potrebbero interessare:


Savoiardi fatti in casa
Muffin all'arancia
Torcolo al latte


La mia ricetta realizzata da:

Patrizio e Grazia


Ciao Federico, dopo una lenta e laboriosa lavorazione,
Grazia è riuscita nell'intento.....e infine la colazione è servita!



Fabiola




Ho messo le gocce di cioccolato al posto dell'uvetta
non sono perfetti come i tuoi..ma per essere la prima volta sono abbastanza soddisfatta...grazie!!

20 commenti:

  1. oltre al pasticciere sei anche fotografo, bellissime foto, complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, grazie dei complimenti, ma io mi limito solo a fare il pasticcere , la fotografa e mia moglie.
      Un abbraccio Federico

      Elimina
  2. Amo i maritozzi... li farò sicuramente! Complimenti, come al solito un maestro! A presto Betta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Betta che proverai la mia ricetta, se ti va quando realizzi i maritozzi, inviami una foto la posterò in bacheca.
      Un saluto Federico.

      Elimina
  3. Bravo Federico anche stavolta hai fatto centro nel preparare una vera delizia. Mi chiedo cosa, cosa non riescono a fare le tue mani fatate! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, ti posso garantire che sono ancora un'infinità le cose che devo imparare a fare, ma piano piano, con gli stimoli che mi da questo blog, le imparerò.
      A presto
      Federico

      Elimina
  4. Eccomi qui di ritorno dopo un'influenza intestinale!!!! Che bontà è mai questa??? :D Ed io che pensavo che solo noi romani fossimo i re dei maritozzi (qui a Roma si gustano con la panna!). Grazie mille per questa ricetta e per queste delizie per occhi e palato!

    RispondiElimina
  5. Bentornata Luna, brutta bestia l'influenza intestinale ma l'importante è che l'hai superata.
    Anche qui a Perugia si gustano i maritozzi con la panna, ma in quel caso si farciscono maritozzi senza uvetta.
    Mi raccomando prova questa ricetta, così avrò il parere di una romana.
    A presto Federico.

    RispondiElimina
  6. I maritozzi sono sempre stati la merenda della mia infanzia, da noi sono un po' diversi, ma anche questi sembrano buonissimi e ben lievitati! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanda, grazie mille dei complimenti, fa sempre piacere riceverne.
      Io non sono mai stato a Bari, quindi non conosco il vostro modo di fare i maritozzi, siccome ho sempre voglia di imparare cose nuove, mi farebbe piacere se mi spieghi le varie differenze e se puoi mandami anche la ricetta.
      Ti ringrazio in anticipo
      Un abbraccio Federico

      Elimina
  7. grazie x la ricetta dei maritozzi,sei un grande .carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, grazie a te per la fiducia e scusa per il ritardo con cui ti rispondo ma ho visto il messaggio solo ora. Hai provato questa ricetta? Cosa te ne pare? Spero tu sia rimasta soddisfatta.
      A presto Federico

      Elimina
  8. ciao e complimenti.....ti chiedevo,in sostituzione alla farina manitoba per il lievitino posso usare la fecola di patate?Pamela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pamela, la manitoba con la fecola di patate non si può sostituire, ma perchè vuoi fare questa sostituzione? Se mi fai sapere il motivo magari posso aiutarti.
      A presto Federico

      Elimina
  9. era perche a casa non ne avevo ma ho sostituito con un preparato per pane che avevo comprato tempo fa che era composto da manitoba e lievito madre (per lo meno così stava scritto)quindi per il lievitino ho usato questo preparato con latte e lievito di birra......solo che ho dovuto aggiungere mooolto piu latte rispetto a quello della dose da te indicata nella ricetta.....inoltre ho aggiunto parecchio latte anzichè acqua per aggiustare l'impasto una volta aggiunti anche gli altri ingredienti e per impastare una volta messa l'uvetta mi sono bagnata le mani con l'olio per evitare di usare farina che mi sarebbe poi andata ad indurire il tutto....cmq il risultato è stato lo stesso ottimo.....appena sfornati e appena assaggiati :)

    Pamela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fecola di patate a differenza della farina manitoba non contiene glutine, mentre il preparato che hai usato tu sicuramente lo contiene, quindi brava, mi fa piacere che hai ottenuto il risultato sperato. Se ti può far piacere, nel mio blog ho una bacheca dedicata alle vostre realizzazione, basta che tu mi invii le foto dei maritozzi che hai realizzato e io le posto.
      Continua a seguire le mie ricette, a presto Federico

      Elimina
  10. Cottura in forno statico? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No,come scritto nel procedimento, i maritozzi necessitano di una cottura veloce, quindi il forno va tenuto in modalità ventilato. Quando realizzi i maritozzi, se ti fa piacere, inviami le foto con un tuo commento alla ricetta, pubblicherò tutto in bacheca.
      A presto Federico

      Elimina
  11. ciao GIGI,volevo sapere se per i roccetti al mosto è la stessa ricetta dei maritozzi.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, io anche se non sono GIGI, rispondo ugualmente al tuo commento, spero di farti cosa gradita. L'impasto dei Maritozzi al' uvetta non è lo stesso dei roccetti al mosto.

      Elimina